Consigli parrucche e chemioterapia

In questa sezione troverete le risposte e le informazioni utili che spesso si cercano sul web sul tema parrucche e chemioterapia.

 

CAPELLI E CHEMIOTERAPIA

Non tutti i farmaci chemioterapici possono determinare il fastidioso effetto alopecizzante, a volte possono creare anche solo fenomeni di leggero diradamento.

I farmaci chemioterapici come l'antracicline ed i taxani invece determinano un alopecia completa, talvolta anche nelle ciglia e sopracciglia. Per questo prima di iniziare un trattamento chemioterapico è sempre meglio chiedere al proprio oncologo se lo schema di chemioterapia programmato determinerà o meno l'alopecia. La caduta dei capelli avviene mediamente dopo 15 giorni dall'inizio del trattamento ed in modo veloce e massivo. Ricordiamo che l'effetto alopecizzante è causato dai farmaci e va considerato come un fenomeno transitorio e reversibile, infatti a circa 1 mese dalla fine dell'ultimo ciclo i capelli ricominceranno a ricrescere, addirittura rigenerati e più belli di prima.

SUGGERIMENTI

Secondo la nostra esperienza suggeriamo di non tagliare i capelli prima dell'inizio della caduta degli stessi a meno che non si decida di cambiare look, questo vi permetterà di non cambiare la fisionomia e l'immagine e passare inosservati negli ambienti solitamente frequentati.

Un suggerimento molto importante è quello di acquistare la parrucca prima di perdere i capelli, questo consentirà di acquisire una certa manualità e padronanza del prodotto, che sarà poi fondamentale quando dovrete utilizzarlo quotidianamente.

L'acquisto di una parrucca deve tenere conto dei seguenti criteri:

  1. Aspetto psicologico

  2. Traspirazione del prodotto

  3. Professionalità del fornitore

  4. Ampia scelta

Generalmente è consigliato non cambiare fisionomia in modo che il momento particolare passi inosservato, tenendo sempre presente che trattasi di un momento transitorio. Rimane fondamentale affidarsi ad un professionista del settore che garantisca sempre anche l'assistenza post vendita.

PARRUCCHE E CHEMIOTERAPIA

Esistono veramente le parrucche per chemioterapia? Si vedono spesso in pubblicità, ma la risposta è no!

Materiali e le lavorazioni hanno grandi differenze, noi consigliamo nei casi oncologici le parrucche lavorate a mano o in monofilamento, poichè sono le più leggere e traspiranti oltre che esteticamente più invisibili anche all'occhio più indiscreto. Inoltre queste parrucche hanno un confort speciale in qualsiasi stagione dell'anno. Sempre possibile infine la detrazione fiscale come dispositivo medico e dietro presentazione di apposito certificato medico.

Il nostro personale è sempre a disposizione per qualsiasi esigenza prima e dopo l'acquisto della parrucca.

  modificarlo e aggiungere il tuo testo.